Posted 4 dicembre 2018 by Giornalisti in Formazione
 
 

Convegno dell’Onb “Vaccinare in Sicurezza”


Rilevanza

Il tema affronta l’universo “vaccini” con particolare riferimento all’importanza dell’impatto sulla salute. Negli ultimi anni, cittadini e talvolta anche professionisti sanitari, sempre più spesso manifestano un crescente scetticismo nei confronti delle vaccinazioni; la “vaccine hesitancy è un fenomeno complesso che consiste nel ritardo, nel rifiuto parziale (o totale) delle pratiche vaccinali. La decisione di seguire o meno le raccomandazioni in merito alle vaccinazioni è influenzata da un’ampia gamma di fattori, medici, psicologici, socio-economici e culturali. Tra essi spiccano la sfiducia nelle Istituzioni Sanitarie, i dubbi sulla sicurezza e sull’efficacia dei vaccini, nonchè la mancanza di informazioni adeguate che rendono partecipi non solo i cittadini, ma che danno voce ai tanti ricercatori che tentano di dare un contributo alla crescita di tale pratica. E’ proprio questa, a nostro avviso, la limitazione più incisiva che condiziona lo scetticismo, che non si supera con l’obbligatorietà, ma con il coinvolgimento di tutti gli operatori sanitari e con ampia condivisione evitando barriere e scontri basandosi solo su opinioni di parte.

Resta discutibile l’obbligo vaccinale di massa, ed è chiaro che la vaccinazione è e deve essere un fatto positivo per la salute delle popolazioni, applicabile sempre dopo una anamnesi attenta, dopo aver eseguito, qualora se ne manifestasse la necessità, esami preliminari, che possano aiutare il professionista a ridurre il rischio di complicanze e/o effetti avversi. Siamo invece al cospetto di campagne di masse e medici che per principio dicono che i vaccini non hanno effetti collaterali, tralasciando il fatto che il vaccino è di per sé un farmaco, che può causare reazioni avverse anche gravi. ONB ravvisa la necessità di percorsi di formazione per i professionisti sanitari per promuovere la pratica vaccinale con efficacia e in sicurezza.

 

Scopi e obiettivi

Obiettivo generale

Lo scopo di questo convegno è di divulgare le conoscenze in materia di sicurezza dei vaccini, per renderli sempre più qualitativamente migliori e diminuire il rapporto rischio / beneficio. Vari aspetti del tema sicurezza, saranno affrontati nell’incontro quali: La personalizzazione della vaccinazione mediante l’accertamento del rischio di eventuali predisposizioni al danno, attraverso l’uso di test pre-vaccinali adeguati (genetici, metabolici, immunitari ecc..) e la formazione specifica di consulenti pre-vaccinali con l’istituzione di corsi di specializzazione dedicati e/o Alta Formazione.

Saranno oggetto del convegno in particolare tematiche relative alla qualità dei vaccini, la presenza di impurezza, contaminazioni e adiuvanti.

Un altro argomento molto importante riguarda l’esperienza di Canale Verde riguardo la raccolta dei dati di farmacovigilanza e l’istituzione dell’anagrafe vaccinale, e come l’implementazione di questo sistema possa contribuire a migliorare ulteriormente la qualità dei dati raccolti sui vaccini.

Seguiranno gli interventi che esamineranno la delicata tematica della segnalazione delle reazioni avverse e delle linee guida da adottare.

A conclusione del convegno interverranno esperti di vaccini in ambito giuridico per chiarire come redigere il consenso informato e il suo significato attuale.

Tali interventi sono volti a formare il professionista in qualsiasi ambito, per renderlo più consapevole delle problematiche connesse alla sicurezza dei vaccini e per promuovere una ricerca indipendente e collaborativa con le istituzioni.

 

Obiettivi specifici

Questa giornata, rappresenta un momento di condivisione e di confronto tra ricercatori ed esperti impegnati sul campo al fine di valorizzare il ruolo pregnante, in sanità pubblica, delle vaccinazioni per la tutela della salute del singolo individuo e dell’intera collettività.

 

Scarica il programma dell’evento

Compila il modulo di partecipazione