Posted 1 dicembre 2016 by Giornalisti in News
 
 

Arriva la pensione complementare per i biologi


Sei un biologo e pensi che potresti percepire una pensione troppo bassa in futuro? Da oggi puoi correre ai ripari con la pensione complementare voluta dalla FIB (Fondazione Italiana Biologi) con la collaborazione di Groupama Assicurazioni, attraverso l’agenzia Fara sas.

Dopo anni di lavoro, sarebbe giusto che tu avessi uno stile di vita adeguato alle tue esigenze. Per questo, se vorrai, potrai costruirti un futuro previdenziale in maniera oculata e non dispendiosa.

Come funziona la previdenza complementare? Durante la tua vita lavorativa, qualsiasi sia la tua attività professionale come biologo, puoi accantonare una parte a scelta dei tuoi guadagni per poi avere una pensione aggiuntiva a quella maturata con gli enti previdenziali obbligatori.

Il vantaggio è che è possibile calcolare la pensione futura in base a quanto intendi versare annualmente.

Per questo, riportiamo alcuni esempi. Abbiamo scelto di indicare un sistema contributivo prudente. Ma è possibile scegliere anche dei profili dinamici che prevedono guadagni maggiori.

Quella che segue, è una tabella esemplificativa. Mentre puoi prendere visione di una tabella più circostanziata, con profili diversi, leggendo il “Programma per te” messo a punto da Groupama Assicurazioni.

La FIB dichiara che non percepirà alcun compenso dall’attivazione delle pensioni integrative dei biologi, ma ha solamente chiesto a un istituto accreditato di istituire uno strumento previdenziale a sostegno del futuro della categoria.

Infine, è previsto un bonus d’ingresso pari a 250 Euro da poter spendere come polizza infortuni, rc professionale e altri prodotti assicurativi da concordare assieme all’agenzia Fara sas.

 

CONTATTI
F.A.R.A. sas di Rita Pavone & C.
E-mail: info@farasas.it
Referente : Alessandro Pavone – Mobile: 333 1557315

 

 

Leggi le altre notizie su biologi e previdenza.