Il POS per i professionisti non è un obbligo

Nella circolare n. 12 del 29 maggio 2014, i consulenti del lavoro, in accordo con quanto stabilito dal Consiglio Nazionale Forense nella Circolare n. 10-C-2014 del 20 maggio 2014, convengono che la normativa non obblighi di fatto i professionisti all’installazione del POS, ma permetta ai committenti di scegliere il pagamento elettronico qualora le fatture ammontino a importi superiori ai 30 euro.

Nel caso in cui un cliente chiedesse di poter effettuare un pagamento tramite carta di debito e il professionista ne risulti sprovvisto, si verrebbe a determinare la “mora del creditore”, la quale non libera il debitore dall’obbligazione, ma non prevede sanzioni a carico del professionista qualora questo rifiuti il pagamento tramite carta di debito.

La mancata installazione del POS, pertanto, non si configurerebbe come un inadempimento sanzionabile, ma indurrebbe il professionista ad attivare misure di recupero del credito. Per tale ragione, come riportato nella Circolare della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, non esistono obblighi di installazione a carico del professionisti.

How to Become a Clothes Buyer for a Company
louis vuitton taschenSNL On Joseph A Bank Suits